#makeup Come si fa una base perfetta

I colori complementari

La teoria dei colori complementari

Nei post precedenti abbiamo visto come prima di qualsiasi trucco, sia fondamentale pulire la pelle dall’interno (con alimentazione, sonno e sport) e dall’esterno (con la giusta routine di detersione mattina e sera), in questa lezione vedremo quali sono i prodotti che servono per fare una base perfetta.

Partiamo dal fondotinta.

Serve ad uniformare il colore del viso, a proteggere la pelle e ad idratarla. In commercio ne trovate di tutte le textures e colori.

Per aiutarvi nella scelta, quelli fluidi o in crema sono meglio per pelli secche o normali; quelli in polvere (compatta o libera) sono più indicati per le pelli miste e grasse.

Che colore scegliere? Il più vicino possibile al vostro colore di pelle; non provatelo sul dorso della mano ma sul viso, insistete con la commessa, stendetene un pò sulla guancia e andate all’aperto a vedere il colore. Individuate anche il vostro sottotono di colore, come si fa? Guardate alla luce naturale le vene sul polso: se sono verdi avete un sottotono giallo, se sono blu è rosa e se non sono nessuno dei due siete neutre! Davanti all’espositore di solito i colori dei fondotinta iniziano proprio per “rose 01” ecc, quello è il sottotono tra i quali scegliere quello più vicino al colore della vostra pelle.

Il correttore

Il correttore è come un fondotinta, solo che è più pigmentato e risulta quindi più coprente. Lo trovate in pasta, in crema, in stick oppure in polvere (compatta o libera).

Il suo funzionamento è o meccanico (copre perchè fa lo strato sopra l’imperfezione o l’occhiaia) oppure basato sulla complementarietà dei colori.

Come vedete nella figura: i colori primari sono rosso, blu, verde e giallo e si smorzano con il rispettivo colore opposto. Se, per esempio, avete le occhiaie blu (nottataccia?!) le coprirete con un correttore giallo, se avete un brufolo rosso lo coprirete con il verde.

Se avete delle macchie cutanee che volete camuffare, meglio usare un correttore più simile possibile al colore della vostra pelle, mentre se dovete coprire un brufolo usate il correttore secco (tipo quelli delle palette) perchè il calore della zona infiammata rischia di buttare sui lati il liquido.

Per le occhiaie va benissimo un color salmone.

La cipria

Fissa il fondotinta e ci dà quell’effetto mat che non fa mai male. E’ sempre in polvere, compatta o libera.

La cipria si deve usare per la regola aurea del trucco: un prodotto oleoso deve sempre essere associato ad un in polvere per essere fissato e, viceversa, uno in polvere deve sempre avere una base oleosa per attaccarsi bene. Quindi prima dell’ombretto metto un primer, se faccio la riga con una matita fisso con l’ombretto. Capito?

Il fard (o blush)

Serve ad equilibrare il trucco e darci un aspetto decisamente più sano. Anche qui le formulazioni sono tante: compatto, in polvere, in mousse, in crema o liquido.

Potete stenderlo con il pennello o con le dita e sbizzarrirvi scegliendolo opaco o luminoso. Il colore va modulato in base alla tonalità della vostra pelle, ad una pelle chiara sta meglio un corallo, ad una scura un rosa più carico.

La terra

Fa un pò vintage anni Ottanta, ma la terra è un’ottima alleata per il contouring, ossia scolpire il viso con luci ed ombre. In estate la posso mettere senza fondotinta, in inverno meglio stare sull’opaco. Come si stende? Con un bel pennellone morbido, disegnando un numero 3 che parte dalla fronte, entra nell’incavo della guancia e scende sul mento. Non esagerate o sembrerete le nonne Umpalumpa di vent’anni fa.

Il primer

Tutti ne parlano pochi lo usano. E’ un prodotto a base di siliconi, quindi andateci piano, usatelo quando sapete che il vostro trucco deve durare a lungo. Si mette dopo la crema e prima del fondotinta e serve a fissare tutto quello che metterete dopo.

C’è sia quello per il viso che quello per gli occhi, utilissimo per fissare bene l’ombretto ed evitare spiacevoli effetti panda o hard core.

L’illuminante

Sempre per la regola del contouring, uso l’illuminante per mettere in luce le parti del viso su cui voglio attirare l’attenzione. Lo trovate in polvere, stick oppure potete usare una matita chiara o un ombretto; potete sceglierlo luminoso oppure mat.

Dove lo metto? Principalmente sulla parte alta dello zigomo intorno all’occhio e sopra al labbro superiore, per creare un effetto pump alla bocca.

Visto che abbiamo una bella sfilza di prodotti dopo questa lezione, ecco un sito interessante dove poter inserire gli ingredienti dei vostri e vedere quanto sono nocivi!

http://www.biodizionario.it

Ricordatevi che il trucco nasce dalla sperimentazione, quindi via libera a colori di diverse sfumature per scoprire con la pratica quale marca e quale texture vi stanno meglio addosso e vi fanno sentire più belle.

Osate!!

 

Ps. Per non perdere la prossima lezione iscrivetevi al blog e riceverete direttamente via mail l’avviso quando uscirà il prossimo post!

 

1 Commento

Archiviato in corso di trucco

Una risposta a “#makeup Come si fa una base perfetta

  1. Pingback: #makeup Lezione #5 La base | Annatagliapietra's Blog

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...